CCIAA della Maremma e del Tirreno. Bando Innovazione digitale 4.0. Finanziamento a fondo perduto per iniziative di digitalizzazione dei processi aziendali.

FINALITA’

Il bando intende promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle Micro, Piccole e Medie imprese di tutti i settori economici attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione dei processi aziendali. Nello specifico, con questa iniziativa, il bando si propone di promuovere l’utilizzo, da parte delle MPMI, di servizi o soluzioni focalizzati sulle competenze e tecnologie digitali nell’ambito delle attività previste dal Piano Transizione 4.0.

BENEFICIARI

Possono beneficiare delle agevolazioni le Micro, Piccole e Medie imprese, loro cooperative e consorzi, rientranti nella definizione di piccola e media impresa, in possesso dei seguenti requisiti:

a) avere la sede legale e/o un’unità operativa nella provincia di Livorno o Grosseto;

b) essere regolarmente iscritti al Registro delle imprese o al Repertorio Economico Amministrativo (REA) della C.C.I.A.A della Maremma e del Tirreno;

d) non avere in corso contratti di fornitura di servizi, anche a titolo gratuito, con la Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili solo ed esclusivamente le spese sostenute (fatturate e pagate) a partire dall’1 gennaio 2023 fino alla data di presentazione della domanda di partecipazione. L’investimento minimo per partecipare al bando è fissato in € 3.000,00 (spese ammissibili al netto di IVA) e deve essere realizzato nella sede e/o U.L. situate nel territorio di competenza della Camera di commercio della Maremma e del Tirreno.

Si intendono finanziare interventi di innovazione tecnologica I4.0 per l’acquisto di servizi di consulenze e/o formazione finalizzati all’implementazione di una o più tecnologie tra quelle previste dal bando.

Gli interventi di innovazione digitale dovranno riguardare almeno una tecnologia dell’Elenco 1– ed eventualmente una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste all’Elenco 1.

Elenco 1:

a) robotica avanzata e collaborativa;

b) interfaccia uomo-macchina;

c) manifattura additiva e stampa 3D;

d) prototipazione rapida;

e) internet delle cose e delle macchine;

f) cloud, High Performance Computing – HPC, fog e quantum computing;

g) soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc);

h) big data e analytics;

i) intelligenza artificiale;

j) blockchain;

k) soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);

l) simulazione e sistemi cyberfisici;

m) integrazione verticale e orizzontale;

n) soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc).

Elenco 2:

a) sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;

b) sistemi fintech;

c) sistemi EDI, electronic data interchange;

d) geolocalizzazione;

e) tecnologie per l’in-store customer experience;

f) programmi di digital marketing;

g) soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica;

h) sistemi di e-commerce;

i) soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita.

Nello specifico, sono ammissibili spese per:

a) servizi di consulenza e/o formazione;

b) acquisto di beni strumentali materiali ed immateriali, nel limite minimo del 70% delle spese ammissibili, funzionali all’introduzione delle tecnologie abilitanti.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria iniziale a disposizione dei soggetti beneficiari ammonta a € 90.000,00.

Il Bando prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto pari al 70% delle spese effettivamente sostenute e ammissibili, e comunque fino ad un massimo di € 5.000,00.

L’investimento minimo è pari ad € 3.000,00

TERMINI DI PRESENTAZIONE

30 novembre 2023 salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse. È prevista una procedura a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.

Lascia un commento