CCIAA Maremma e Tirreno. Finanziamento a fondo perduto a sostegno della creazione d’impresa e incentivi premianti per le imprese femminili, giovanili e innovative.

FINALITA’

L’obiettivo del bando è quello di contribuire, parallelamente ai servizi specialistici già in essere (Sportello Punto Impresa), alla diffusione della cultura di impresa e del mindset imprenditoriale attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto finalizzati alla parziale copertura delle spese di avvio di impresa e incentivi premianti per le imprese femminili, giovanili e innovative e/o percorsi di creazione di impresa che abbiano investito anche nell’acquisizione di competenze manageriali, trasversali (digitali / green) e altri temi di sviluppo competitivo di impresa.

Il bando è strutturato in due fasi:

1) Presentazione della domanda di partecipazione: in questa prima fase, agli aspiranti imprenditori non è richiesto il possesso di specifici requisiti; l’aspirante imprenditore si impegna ad iscrivere ed attivare la costituenda impresa presso il Registro delle Imprese della CCIAA della Maremma e del Tirreno e a partecipare ad un evento formativo del programma “I Servizi Digitali alle Imprese – Starter Kit” che sarà realizzato dall’Ente camerale. A seguito dell’ammissione dell’istanza di partecipazione, la Camera riserva all’aspirante imprenditore il contributo massimo concedibile previsto dal bando. Dalla data di comunicazione dell’ammissione, l’aspirante imprenditore ha 6 mesi di tempo per iniziare l’attività (impresa attiva al Registro Imprese), frequentare un evento del percorso formativo obbligatorio organizzato dalla Camera di commercio (Starter Kit) e presentare la domanda di liquidazione.

2) Presentazione della domanda di liquidazione: possono accedere a questa fase solo gli aspiranti imprenditori ammessi a partecipare al bando che, nei sei mesi di tempo concessi, abbiano avviato la propria attività e partecipato ad un evento formativo del programma “I Servizi Digitali alle Imprese – Starter Kit”.

Possono partecipare alla Fase 1 tutte le persone fisiche che intendono avviare un’attività imprenditoriale nelle province di Livorno o Grosseto entro i termini stabiliti dal bando. Possono accedere alla Fase 2 le imprese neo costituite, il cui titolare/rappresentante legale sia stato precedentemente ammesso alla Fase 1 e abbia avviato l’attività nel termine dei 6 mesi indicati.

BENEFICIARI

Possono quindi beneficiare delle agevolazioni le Micro, Piccole e Medie imprese, loro cooperative e consorzi, rientranti nella definizione di piccola e media impresaappartenenti a tutti i settori economici in possesso dei seguenti requisiti:

a) avere la sede legale e unità operativa nella provincia di Livorno o Grosseto;

b) essere regolarmente iscritti al Registro delle imprese della C.C.I.A.A della Maremma e Tirreno;

c) essere attivi (inizio attività registrata presso la Camera di commercio con data NON antecedente il 01 gennaio 2023);

d) essere in regola con il pagamento del diritto annuale;

e) non essere in stato di liquidazione giudiziale, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;

f) aver regolarmente assolto gli obblighi contributivi previdenziali e assistenziali (DURC regolare);

g) non avere in corso contratti di fornitura di servizi, anche a titolo gratuito, con la Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno;

h) essere in regola con la normativa europea in materia di Aiuti di Stato.

I suddetti requisiti devono essere posseduti dal richiedente il contributo alla data di presentazione della domanda di liquidazione. Non si considera nuova impresa l’attivazione di una nuova sede operativa sul territorio di competenza della Camera da parte di imprese già esistenti.

CONTRIBUTO

I richiedenti il contributo sono tenuti a partecipare ad un evento formativo organizzato dalla Camera di commercio della Maremma e del Tirreno, secondo il calendario degli incontri disponibile sul sito camerale. Tale obbligo deve essere assolto nei 6 mesi a disposizione per l’avvio dell’attività e la liquidazione del contributo è vincolata all’adempimento di tale obbligo. La Camera rilascerà un attestato di partecipazione.

FACOLTATIVO: Sarà concesso un contributo aggiuntivo di € 500 nel caso in cui il richiedente il contributo rendiconti la partecipazione in autonomia ad un corso, svolto nell’anno 2023, della durata minima di 30h sui temi dell’imprenditorialità e/o sull’attività/oggetto sociale dell’impresa, organizzato da associazioni di categoria, ordini professionali, soggetti riconosciuti dalla Regione Toscana.

Le spese ammissibili dovranno essere state sostenute per una o più delle seguenti finalità:

a) onorari notarili e costi relativi alla costituzione d’impresa (al netto di tasse, imposte, diritti e bolli anticipati dal notaio)

b) spese di registrazione di marchi, brevetti e disegni

c) acquisto di beni e servizi per la digitalizzazione dell’impresa (p.e. software gestionali, hardware, tecnologie wireless, licenze d’uso e servizi software di tipo cloud, etc.; sono esclusi smartphone, cellulari e tablet, spese di manodopera, trasporto, manutenzione)

d) acquisto di beni strumentali/macchinari/attrezzature/arredi nuovi (sono escluse le spese per il montaggio/trasporto/manodopera). Le spese devono riguardare esclusivamente beni durevoli, non di consumo e strettamente funzionali all’attività svolta (non sono ammessi gli autoveicoli o qualsiasi altro mezzo di trasporto)

e) spese di promozione (realizzazione del logo aziendale, realizzazione sito web ed e-commerce, registrazione del dominio) e strumenti di comunicazione (es. messaggi pubblicitari su radio, TV, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, Google Ads, spese per materiali pubblicitari, etc)

Gli interventi devono essere realizzati nell’anno 2023 e comunque conclusi al momento della presentazione della domanda di liquidazione. Le spese per le quali si richiede il contributo camerale devono riguardare, pena inammissibilità della spesa, interventi presso la sede legale o unità locali ubicate nel territorio di competenza della Camera della Maremma e del Tirreno.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria iniziale a disposizione dei soggetti beneficiari ammonta a € 40.000,00.

Il Bando prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto pari al 60% delle spese effettivamente sostenute e ammissibili (al netto di IVA) e comunque fino ad un massimo di € 5.000,00.

E’ prevista una maggiorazione del contributo (aggiuntivo anche in caso di contributo massimo) nei seguenti casi:

– tipologia di impresa femminile, giovanile o start up innovativa: maggiorazione di € 500,00;

– formazione facoltativa sui temi della imprenditorialità/attività d’impresa: maggiorazione di € 500,00.

Non saranno ritenute ammissibili domande che presentino costi ammissibili, al netto di IVA, inferiori ad € 3.000,00

TERMINE DI PRESENTAZIONE

30 novembre 2023, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse.

Lascia un commento