INAIL. Bando Isi 2023. Finanziamento a fondo perduto per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

FINALITA’

Il bando mira a promuovere le imprese nell’implementazione di progetti volti al miglioramento documentato delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto agli standard preesistenti. In particolare, si intende incentivare le micro e piccole imprese del settore agricolo ad adottare soluzioni innovative mediante l’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro. Queste soluzioni, caratterizzate da innovazioni tecnologiche, mirano a ridurre in modo significativo le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e promuovere la sostenibilità ambientale complessiva. Parallelamente, si mira a ridurre il livello di rumore, il rischio di infortuni e le fatiche derivanti dall’esecuzione di attività manuali.

SOGGETTI BENEFICIARI

L’iniziativa è indirizzata sia alle imprese, comprese quelle individuali, presenti in ogni territorio regionale o provinciale e registrate presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura (CCIAA), con specifiche distinzioni in base ai diversi Assi di finanziamento. L’Asse 1.2, focalizzato sulla sicurezza sul lavoro, supporta gli investimenti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, coinvolgendo anche le imprese coinvolte nei percorsi formativi per competenze trasversali e orientamento (ex alternanza scuola-lavoro).

Gli enti del terzo settore, d’altra parte, possono accedere all’Asse 1.1, in particolare al tipo di intervento d), mirato alla riduzione del rischio derivante dalla movimentazione manuale di persone.

TIPOLOGIA DI INTERVENTI AMMISSIBILI

Le seguenti tipologie di progetto sono finanziabili nell’ambito dei cinque Assi di finanziamento:

  1. Progetti volti alla riduzione dei rischi tecnopatici.
  2. Progetti mirati all’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.
  3. Iniziative finalizzate alla riduzione dei rischi infortunistici.
  4. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.
  5. Progetti dedicati alle micro e piccole imprese che operano in settori specifici di attività.
  6. Progetti diretti alle micro e piccole imprese attive nella produzione primaria dei prodotti agricoli.

Queste diverse tipologie di progetto sono comprese negli Assi di finanziamento rispettivamente numerati da 1 a 5.

ENTITA’ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE

Per gli Assi 1 (1.1 e 1.2), 2, 3 e 4, è previsto un finanziamento a fondo perduto pari al 65% delle spese ammissibili.

Per l’Asse 5, il finanziamento varia a seconda della categoria dei beneficiari:

  • Il 65% per i soggetti destinatari del sub-Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole);
  • L’80% per i soggetti destinatari del sub-Asse 5.2 (giovani agricoltori).

L’importo del finanziamento varia da un minimo di 5.000,00 euro a un massimo di 130.000,00 euro. Non vi è un limite minimo di finanziamento per le imprese con meno di 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

SCADENZA

La procedura informatica per la compilazione e la registrazione delle domande Isi 2023 è aperta dal 15 aprile al 30 maggio 2024, con termine fissato alle ore 18:00.